Gli auguri in dialetto nei versi di Gigi “Tamba” Vincenzi

A seguire una lirica di …Buon Auspicio, scritta molti anni fa dal Maestro e grande studioso di dialettologia bondenese Gigi Vincenzi détto Tamba, secondo lo scutmai (soprannome, nôm de plume) che da sempre contraddistingue lui e la sua famiglia – ancora ‘classicamente’ bellissima ed essenziale, proprio perché scritta nella nostra ‘essenziale’ lingua dialettale.

gigi-vincenzi-tambaE’ una lirichetta che fa parte delle nostre belle tradizioni, un’altra fetta di quel patrimonio pure da ‘non dimenticare di ricordare’, perché la nostra identità è parte integrante, come tutte le altre, del mondo intero.

NADÀL E ANN NÓV e il TRADIZZIÓN D’NA VÒLTA

Arbul, presèpi, stéla e tant lumìn…
Va in zir a unz’al spròch, pr’il cà, i zuvnit
cantand la Vècia’ ach pòrta i guciaró…

A mezanòt: a Méssa granda e pó…
bròd ad galina vècia coi caplit,
purè, salama, sabadún e vin!

* Tratta da: Grépul, Poesie e testi in lingua ferrarese, di Luigi VINCENZI – TAMBA ,
a cura di Maria Cristina NASCOSI SANDRI, Portomaggiore (Fe), Arstudio C ed., 2003

Maria Cristina Nascosi Sandri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *